Educare secondo Natura

Ammaestramento o Emersione di talenti?

Lezioni frontali e relative verifiche di apprendimento o Maieutica reciproca?

Banco e aula o Cammino?

Fredde nozioni o Esperienze ricche di emozioni?

Sottomissione a capitalismo e positivismo tecnologico o sviluppo di un pensiero osservatore e critico verso il reale e la tradizione?

Benessere e successo personale o Solidarietà e responsabilità planetaria?

E il ruolo del maestro qual è? Scriba su una tavola bianca o Coltivatore sapiente di semi …preziosi ed unici? 

La pandemia ha fatto riemergere e acuito il dibattito su 2 modi diametralmente opposti di intendere l’educazione. I sostenitori della pedagogia attiva vorrebbero una svolta del sistema educativo di “regime” verso una sperimentazione che assicuri maggiore libertà di proposte più attente ai bisogni dei bambini, i fautori della pedagogia passiva vorrebbero che nulla cambiasse ad esclusione degli aggiustamenti richiesti per assicurare l’adeguata profilassi per evitare ulteriori contagi da Covid 19.

La Montessori avrebbe affrontato il diverbio ponendo delle semplici domande ai contendenti: Dalla osservazione della “natura” del bambino cosa emerge? Quale proposta educativa è più rispettosa della sua “natura”? e chi assicura al bambino, per sua “natura” esploratore, un contatto continuo, stimolante e salutare con la “natura”?    

Alcune aziende e fattorie didattiche, sostenitrici della pedagogia “attiva” come metodo educativo più rispettoso della “natura” del bambino, hanno scelto di aggregarsi in rete (fattorie educative) per formulare delle proposte di “percorsi” da sottoporre alle scuole avvalendosi del sostegno anche di “gusto di campagna”.

La proposta “il ponte dei bambini” è un percorso a tappe che va dalle scuole dell’infanzia alle secondarie passando per le primarie. La proposta “l’albero che parla” è un insieme articolato di percorsi predisposti per le scuole di ogni ordine e grado.

                                                                                                       Lorenzo Cunsolo

Lorenzo Cunsolo: Agronomo che nella vita nel lavoro ha avuto l’opportunità di approfondire tematiche referenti l’educazione e la formazione di educatori